Cerca nave da crociera:

Dettagli Recensione

 
Moby
Moby Hot
Traghetti
Voto medio 
 
1.0
Comodità  
 
1.0
Servizi  
 
1.0
Pulizia  
 
1.0
Convenienza 
 
1.0

Olbia Livorno

Viaggio di ritorno 14/08/2020 Olbia – Livorno partenza ore 11,00
Nave: NURAGHES (Tirrenia)

- Siamo tra i primi ad arrivare alle corsie d’imbarco, sono le 09,30, 90’ prima come da regole della Compagnia Moby. Siamo nella fila 2 partendo da destra, ci sono poche auto sulla prima fino a metà della sua lunghezza. Noi siamo nella seconda. Le altre corsie sono libere. Cominciano a riempirsi le corsie e un ragazzo giovane, vestito di bianco, con dei gradi sulle spalle, ma non me ne intendo su che grado avesse, inizia a misurare la temperatura corporea. Ma ci accorgiamo che il suo metodo, è quello che dalle mie parte viene denominato “ALLA CARLONA” nel senso che misura le prima auto delle corsie e poi se ne va!!!! Abbassiamo i finestrini, in attesa che passi e niente, va via, non misura nulla e se ne va, dopo aver controllato solo le prime auto delle prime 5-6 corsie.
Siamo tra i primi ad arrivare e passano avanti gli ultimi arrivati, sbando totale, una disorganizzazione tipicamente italiana, che mi scoccia dire, perché voglio bene al mio paese, ma spesso è vero. In sostanza alcuni manco si fermano, transitano normalmente, nonostante fossero gli ultimi arrivati. Corsie 1-2 se la prendono in quel posto, fatto sta che da primi entriamo quasi alla fine, non abbiamo capito quale logica sia stata adottata per l’ingresso veicoli. Si entra tipo carro bestiame, nessuno rispetta la corsia, uno mi taglia la strada, l’altro, arrabbiato per usare un eufemismo come me, entra aggressivo nella bolgia come se non ci fosse un domani, con staccata tipo circuito di Monza alla variante Ascari.
Conclusione: rimaniamo fregati.

- Altro traghetto, denominato NURAGHES, gemello di quella dell’andata lo Sharden, stessi problemi. Nave vecchia e vabbè se fosse tenuta bene non ci sarebbero problemi, ripeto ho viaggiato su traghetti vecchi e preso un aereo, ad esempio, di 19 anni di servizio e viaggiato egregiamente. Ma questo è un cesso galleggiante come la Sharden (Parte prima). Chi fosse interessato può andare a leggersi la prima parte. Chiedo informazioni ad un ragazzo che è vicino alle scale mobili e mi risponde, gentile e in italiano (strano). Subito dopo passa un ufficiale, vestito di bianco, con gradi sulle spalle che lo riprende davanti a tutti dicendogli “Lei deve stare vicino alle scale mobili e controllare”. Si era, in realtà, allontanato 7-8 mt, non di più, per darmi l’informazione e tra l’altro non c’era nessuno sulle scale mobili da diversi minuti, perché c’ero io lì, in quanto essendo arrivati per primi ed entrati per ultimi non avevamo posto. Vabbé. Ho pensato, qui è diverso dall’andata, gente controlla, ufficiali rigorosi, bene. Tra l’altro si parte alle 11,00, non ci credo, puntuali.
Invece no, stesso viaggio dell’andata, anzi peggio.

- Niente posto. Prenoto due poltrone, fa niente sono 8 ore di viaggio e avevamo messo in conto di non trovare posto se non prenoti prima, ma sapevo che la puntualità non è di questi lidi... Mi metto in coda alla reception, dove alcuni non rispettano le norma anti-covid, arrivato il mio turno chiedo la disponibilità di n° 2 poltrone. Erano due donne, quella che comanda mi dice non ci sono poltrone disponibili, tutto esaurito. Incasso senza dire nulla, ma abbastanza perplesso della risposta, in quanto mi ha risposto in maniera frettolosa, voleva liberarsi di me. In sostanza in 15 secondi si era è liberata di me. Mentre sono in coda, scopro che li prenotavano le cuccette (grave errore ingenui :-) ) e comprendo che a questa signora della reception interessa vendere le cuccette, delle poltrone non gliene frega, si sa, guadagni diversi e ho letto prezzi assurdi delle cuccette. Tra l’altro ai due davanti a me chiede il tagliando dato all’ingresso, quello appiccicato sul parabrezza dell’auto. E ovviamente i due davanti a me rispondono (Ce lo abbiamo in auto) e io che mi chiedo: ma dirlo prima, al momento della consegna, o scriverlo nella prenotazione, sul biglietto?!?! ROBE DA MATTI. Nel 2020.
Nessun cartello che indicasse “cuccette”, solo la scritta sul muro dietro la reception, quindi significa che per qualsiasi cosa uno che non sa va alla reception. Come sempre ho fatto. Vado a verificare e di poltrone libere ne ho contate diverse decine. UNA VERGOGNA!!!

- Anche qui assembramenti, bivacchi, campi profughi ovunque (deve essere una normalità da ste parti), io ho fatto una crociera, che è un’altra cosa sia chiaro, e diversi traghetti, ma mai avevo visto dei bivacchi del genere, e poi nella situazione che viviamo ora è ancora più grave (nel 2020?) che ci sia anarchia totale, due persone che occupano un divano da 5 posti, e NESSUNO CHE CONTROLLA E DICE NULLA. I fogli messi dove veniva indicato di non sedersi, spostati senza problemi, come si fa con un portacenere che non usi e lo metti al tavolo accanto.

- Poi gente senza mascherina, sporcizia sul pavimento appiccicoso, insomma copia-incolla dell’andata. Non puoi guardare fuori dai finestrini, sono troppo sporchi, vai ad intuito. Una finestra grande ha un liquido misto a ruggine che scende lungo tutta la lunghezza della finestra, che non ti permette di guardare fuori, cioè traghetto veramente lasciato andare.

- Aspetto cani: argomento già toccato all’andata, ma marginalmente. Al ritorno c’erano troppi cani, con il viaggio più lungo. Mi chiedo in 8 ore che poi sono 8,50 ore dove fanno i bisogni questi poveri animali, contro i quali non ho nulla, casomai ho qualcosa contro i padroni che li fanno espletare i bisogni sulla moquette senza pulire e far pipì sulla moquette, dove poi accampano alcune famiglie e persone, che non dovrebbero essere lì tra l'altro? (sorrido) :-) Ma nel 2020 siamo ancora a questi livelli?!

- Arriviamo alla fine. Si entra in porto alle 19,05. Eravamo già preparati dall’andata e aspettiamo il nostro turno, ma stavolta, aspettiamo proprio di essere gli ultimi. Assembramenti soliti all’uscita dalle scale verso i garage, ma entriamo in auto agevolmente. Un’auto blocca il passaggio e usciamo/scappiamo dal traghetto alle 19,50. Tenete conto che l’orario di arrivo, se rispettato, è quello dell’ingresso nel porto, poi calcolate dai 40 ai 50 minuti per uscire dal traghetto, quindi occhio se avete coincidenze con altre cose.

- Usciamo, temperatura? NULLA. Nessuno che misura NULLA fanno gesto col braccio di circolare. Potevamo avere il covid e far mettere in quarantena una nave, come successo in Giappone, non fantascienza, e bloccare centinaia di persone. Ma tanto chi controlla? Vorrei che quell’ufficiale tanto preciso nel riprendere davanti a tutti, quel ragazzo alle scale mobili, leggesse non solo le mie recensioni, ma le centinaia che qui sono scritte, e migliaia sulle altre tratte della Moby e poi si ragiona su chi è colui che va ripreso, dove bisogna denunciare veramente.

- Ho letto le due recensioni positive, sulle centinaia negative. Si sostiene che non si è in crociera ma su un traghetto. Ma scusate, ma qui si è gratis (e una crociera l’ho fatta anche), siamo qui come i clandestini passiamo per caso dove capita? Oppure abbiamo pagato un biglietto e si chiede il rispetto delle normali regole di igiene e le norme, varate dal governo, sul Covid? E magari rischiare di schiacciare escrementi di cane non pulita? Per fortuna a noi non è successo, ma avevamo gli occhi ben aperti. :-)

- Arriviamo a casa e vista l’esperienza qualcosa non mi torna, perché noi con la Moby nel 2017 avevamo viaggiato bene e i traghetti erano puliti. Indago e cosa scopro?
“Moby e CIN (ex Tirrenia) dichiarano lo stato di crisi e si appellano alla legge fallimentare.” Insomma stanno fallendo (della Tirrenia hanno bloccato i conti correnti per 3 giorni), e qui capisco tante cose, tra cui il comportamento maleducato e menefreghista dei dipendenti, che non giustifico, perché gli unici che ti possono salvare sono i clienti (tranne lo stato), però comprendo.
Ma il Gruppo proprietario sa di avere il monopolio, fanno forza su questo e lo sanno benissimo che hanno mano libera, tanto comunque la gente va. Siamo di fronte ad una nuova azienda privata in perdita, dove pagherà “Pantalone” come al solito? Dove vogliono andare comportandosi così con i clienti?

Ho voluto scrivere tutto, spendere del mio tempo personale affinché possa servire agli altri utenti, perché la community serve a questo. Prenderemo Moby in futuro o andremo dalla concorrenza tipo Grimaldi o Corsica/Sardinia Ferries? A ogni lettore lascio la risposta.

Trovi utile questa opinione? 

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QCrociere

Ultime recensioni

Moby
 
3.3
Valentina
"Molto delusa, vista la situazione che stiamo vivendo mi aspettavo..."
Grandi Navi Veloci
 
3.0
Frank
"Pessimo in tempo covid-19. Nessun controllo dei passeggeri, solo all'imbarco...."
Costa Crociere
 
1.0
Antonio patera
"Prenotata crociera su Costa Favolosa ad agosto 2020 con partenza..."
Grimaldi Lines
 
1.8
alma
"Grimaldi Cruise Ausonia a/r Livorno-Olbia. Sporcizia inenarrabile, personale di..."
Grimaldi Lines
 
1.0
Antonella Pezzuco
"Sconsiglio vivamente di viaggiare con Grimaldi. Pulizia zero, lenzuola..."
Grimaldi Lines
 
1.0
monica
"Ho viaggiato con la famiglia da Livorno a Olbia a..."
Corsica Sardinia Ferries
 
1.0
Francesco
"Sardinia ferries, mega express three. Cabina con peli, non..."
Grandi Navi Veloci
 
2.5
Giivanni
"Poca pulizia in cabina, un asciugamano già usato, un salviettone..."
Corsica Sardinia Ferries
 
2.0
Roberta
"Nel mese di luglio ho prenotato il traghetto Corsica Ferries..."
Moby
 
1.0
Manuela
"Andata Olbia-Livorno sulla Moby Nuraghes: pessima esperienza. Troppi cani in..."

Cerca traghetto

Vai all'inizio della pagina